Rapina in una farmacia di Viagrande

Su delega della Procura Distrettuale della Repubblica i carabinieri della stazione di Viagrande hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale etneo nei confronti di un 39enne e un 56enne, entrambi di Aci Sant’Antonio, indiziati di rapina aggravata in concorso, tutti e due detenuti nel carcere di Enna per altra causa.

Lo scorso 17 marzo, secondo quanto emerso dall’attività investigativa svolta dai militari seppur in uno stato del procedimento nel quale non è ancora intervenuto il contraddittorio tra le parti, i due avrebbero realizzato un assalto a una centralissima farmacia nel comune di Viagrande.

In quell’occasione, intorno alle 12.30, si sarebbero presentati all’interno dell’esercizio commerciale con il volto celato da una mascherina protettiva e con cappucci in testa, uno dei due brandendo una grossa pistola a tamburo con la quale avrebbe minacciato un atterrito impiegato, mentre il complice, scavalcato il bancone, avrebbe arraffato i soldi in quel momento contenuti in cassa, circa 800 euro. Quindi i presunti autori sono riusciti a fuggire a piedi in direzione di piazza San Mauro.

L’immediato allarme, però, ha consentito ai militari di ricostruire le fasi dell’assalto e, soprattutto, di acquisire elementi per la loro identificazione.

La loro fuga è stata, infatti, documentata con l’aiuto di vari sistemi di videosorveglianza che hanno consentito ai carabinieri di constatare l’utilizzo da parte dei presunti malviventi di una Volkswagen Golf, parcheggiata in una stradina nei pressi della piazza San Mauro e intestata a uno di loro.

Anche le fattezze fisiche erano state riconosciute dai militari per la conoscenza diretta dei personaggi che si sarebbero resi responsabili, tra l’altro, di un’altra recente rapina perpetrata ai danni di un ufficio di spedizioni di via Etna, nel comune di San Giovanni La Punta. Nella circostanza, i due, insieme a un terzo complice (la sorella del 56enne attualmente agli arresti domiciliari per la vicenda), erano stati intercettati e arrestati nella flagranza di reato in via Ficarazzi di Catania nei pressi della piazza Santa Maria di Gesù.

Sono tuttora in corso le attività d’indagine da parte dell’Arma per verificare la riconducibilità di ulteriori analoghi episodi criminali realizzati dal terzetto di rapinatori.