In Italia verrà effettuata anche la terza dose di vaccino. A dirlo, nelle scorse ore, il ministro della Salute, Roberto Speranza, nella conferenza stampa conclusiva del G20 Salute, a Roma.

L’intenzione è quella di partire già questo mese con le persone che presentano fragilità di natura immunitaria, come i pazienti oncologici e i trapiantati. Poi, sempre sulla base della fragilità si continuerà con i più anziani, gli ultra 80enni e coloro che vivono nelle Rsa.

Su questa questione si sono espressi molto chiaramente sia l’Ema, l’Agenzia europea del farmaco, che l’Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie.