Spaccio di droga

Prosegue incessante l’attività di controllo del territorio e di contrasto al fenomeno dello spaccio di droga portata avanti dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Catania, nel cui ambito lo scorso pomeriggio gli uomini della Squadra Lupi hanno messo a segno un ulteriore importante colpo.

Questa volta a finire in manette è stato un giovane pusher 22enne arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, mentre il suo “collaboratore” minorenne è stato denunciato per il medesimo reato.

Il risultato della brillante attività è stato messo a segno grazie a una collaudata attività info investigativa, per mezzo della quale i carabinieri hanno appreso che il 22enne aveva allestito una florida attività di spaccio di droga, che consisteva nel consegnare lo stupefacente direttamente a casa dei suoi clienti, tutti residenti nelle zone centrali della città.

L’accuratezza delle indagini, ha consentito agli investigatori di risalire anche al veicolo utilizzato per le consegne porta a porta, un motorino SH125 di colore bianco, nuovo di zecca. Una volta chiariti tutti i dettagli del quadro investigativo, i militari dell’Arma hanno effettuato un servizio di osservazione in borghese e auto civetta in via Etnea e dopo alcuni giri hanno notato l’SH125 con due soggetti a bordo, tra cui il 22enne che lo conduceva.

Dopo averlo seguito per un centinaio di metri, il pusher, accorgendosi di essere pedinato, ha accennato una breve fuga, ma realizzando di essere facilmente sopraffatto dagli uomini della Squadra Lupi che gli erano ormai alle calcagna, ha ceduto e si è fermato. Al momento di fermarsi, il giovane pusher, credendo di approfittare di un’eventuale distrazione dei militari che scendevano dalla macchina, ha lanciato il più lontano possibile un borsello in pelle di una nota marca di moda, che però è stato immediatamente recuperato da un carabinieri, al quale il gesto anomalo non è sfuggito.

All’interno del borsello, i militari hanno trovato 18 involucri di plastica trasparente contenenti 65 grammi di marijuana del tipo amnesia, un involucro di plastica trasparente contenente 2 grammi di cocaina e un involucro di plastica trasparente contenente 4 grammi di hashish.

Gli accertamenti non si sono fermati lì e i carabinieri hanno perquisito i due giovani e il loro motorino, nel cui vano porta oggetti hanno trovato 270 euro in contanti, probabilmente ricavo dell’attività di spaccio e che dunque sono stati sequestrati. Anche tutta la droga recuperata è stata sequestrata per essere analizzata nei laboratori dell’Arma dei Carabinieri, al fine di fornire dati precisi in merito al principio attivo.

Infine, il minorenne è stato denunciato all’autorità giudiziaria minorile, mentre per il 22enne si sono aperte le porte del carcere e il Giudice del Tribunale di Catania ha convalidato il suo arresto e disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari.