Ieri si è svolta a Roma, in piazza di Montecitorio, una manifestazione che ha visto la partecipazione di ben 110 amministratori dei 133 comuni che rappresentano le Terre alte di Sicilia, appartenenti all’Associazione Zone Franche Montane di Sicilia.

L’obiettivo è quello di sensibilizzare il Parlamento a esitare la legge già approvata dall’assemblea Regionale Siciliana nel 2019, sul riconoscimento delle Zone Franche Montane di Sicilia. Questo comporterebbe la fiscalità di vantaggio ai Comuni di montagna e la tutela del diritto di residenza.

Tra i rappresentanti della fascia sud occidentale dell’Etna, il vice sindaco di Ragalna, Lucia Saladdino, il Presidente del Consiglio Comunale, Roberto Di Bella, e il sindaco di Maletto, Giuseppe De Luca.

Gli amministratori hanno esposto le loro istanze ai delegati di tutti i gruppi parlamentari e del Governo, nella speranza che al più presto si arrivi alla conclusione dell’iter parlamentare.

 

FONTE:COMUNE DI RAGALNA