C’è anche il maestro pasticcere siciliano Nicola Fiasconaro tra i Cavalieri del Lavoro nominati ieri dal presidente Mattarella nel corso della cerimonia che si è svolta al Quirinale. Un grande riconoscimento per l’azienda dolciaria familiare che dalle Madonie ha conquistato i mercati internazionali grazie ai suoi prodotti artigianali.

Non a caso Fiasconaro è il secondo pasticciere ad essere nominato dopo Gioacchino Alemagna, quasi settanta anni fa.

“Io ricevo questa onorificenza, ma Cavalieri del lavoro siamo tutti noi, i fratelli Fiasconaro, che abbiamo coltivato con amore e passione la visione imprenditoriale di nostro padre Mario” ha sottolineato Nicola che insieme ai fratelli Fausto e Martino ha fatto crescere il laboratorio di pasticceria nato settant’anni fa a Castelbuono. Oggi l’azienda Fiasconaro ha un fatturato che a fine dell’anno supererà i 30 milioni di euro, conta 180 dipendenti, tutti di Castelbuono, e’ totalmente made in Sicily e anche il suo indotto segue la territorialita’. Il panettone e la colomba Fiasconaro rappresentano il core-business dell’azienda, che è riuscita fare di un dolce tipicamente lombardo come il panettone un simbolo della produzione alimentare siciliana. Proprio in questi giorni a Tuttofood è stato presentato il nuovo prodotto nato dalla collaborazione con Dolce e Gabbana, un panettone con una crema di manna e nocciole di Polizzi. “La nomina arriva in un momento importante – sottolinea Nicola Fiasconaro -, e con noi si premia la tradizione, l’artigianalità e la bravura di tutti i pasticcieri italiani”.

 

FONTE ANSA