Nell’ambito di un servizio coordinato di controllo del territorio, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Palagonia, unitamente ai militari della Stazione di Scordia, hanno denunciato un 20enne catanese per furto aggravato in concorso, resistenza e detenzione di sostanze stupefacenti.
I militari dell’Arma intimavano l’alt ad un’auto con diverse persone a bordo, il cui conducente procedeva a velocità sostenuta, così da indurre uno dei militari ad imporgli l’alt, che però non rispettava, rischiando di investire lo stesso militare con una spericolata manovra, che gli consentiva una rocambolesca fuga per le vie del centro cittadino.
Inseguiti dai Carabinieri, i fuggiaschi venivano raggiunti dai militari in piazza San Sebastiano, dove lo scalmanato conducente tentava più volte di speronare l’auto degli inseguitori, costretti a desistere per evitare danni ad una famiglia che, intanto, sopraggiungeva in senso opposto a bordo di un’autovettura.
Gli stessi fuggiaschi, nella concitazione di quei momenti, causavano un incidente autonomo in via Toselli, andando a urtare contro un marciapiede e causando l’esplosione delle gomme anteriori. Costretti a continuare la fuga a piedi, abbandonavano l’autovettura rubata a un 39enne di Mineo, che l’aveva noleggiata e al cui interno i militari trovavano un involucro, contenente una piccola quantità di marijuana.
L’immediato ricorso alla visione degli impianti di videosorveglianza della zona consentiva ai militari di riconoscere e denunciare il conducente, noto per reati contro il patrimonio.