I tre cani sarebbero usciti in strada mentre il proprietario rientrava in casa

Un cagnolino azzannato e ucciso da tre cani di grossa taglia, tre pitbull, sfuggiti al controllo del proprietario. Un fatto avvenuto sabato a Santa Maria di Licodia, di cui si è venuti a conoscenza solo oggi, che ha creato sconcerto nel piccolo comune pedemontano etneo. Da quanto si apprende, da testimonianze dirette confermate dai carabinieri, a portare il cane a passeggio, lungo una traversa di via Aldo Moro, la circonvallazione licodiese, sarebbe stato un amico della proprietaria che lo teneva al guinzaglio.

Al passaggio vicino ad un’abitazione, un uomo avrebbe aperto il cancello per entrare in casa, ma in quel momento i suoi cani, 3 pitbull, sarebbero usciti in strada scagliandosi contro la povera bestiolina azzannata più volte. L’uomo che l’aveva in custodia ha provato a salvare il cagnolino cercando di sottrarlo alla furia degli aggressori non riuscendovi e rimanendo anche ferito. Il cagnolino non ha avuto scampo: è spirato per la gravità delle ferite riportate.

Dei fatti sono stati informati i carabinieri di Santa Maria di Licodia, anche se al momento non è stata presentata una denuncia, poiché il fatto non rientra fra i casi per cui si procede d’ufficio. Al proprietario resta la possibilità della querela di parte o di richiesta risarcitoria. Un fatto che riaccende il dibattito sui cani che la legge considera pericolosi e sulla loro custodia.