Dopo più di un anno di stop, arriva l’ok da parte del Cts per la riapertura delle discoteche in zona bianca. Quest’ultimo ha voluto sottolineare come tali attività rientrano tra quelle che presentano i rischi più elevati per la diffusione del virus.

Le persone all’interno dei locali, compreso il personale dipendente, potranno essere al massimo pari al 35% della capienza. All’aperto, invece, si potrà arrivare al 50%.

Sarà necessario possedere il green pass ed essere registrati. Inoltre, nei locali ci dovranno essere impianti di areazione senza ricircolo d’aria; dovranno essere usati esclusivamente bicchieri monouso; dovrà essere garantita la possibilità per i clienti e i lavoratori di igienizzarsi frequentemente le mani; e, infine, l’utilizzo della mascherina chirurgica nei vari momenti a eccezione di quello del ballo.

I sindacati e i gestori, però, parlano di situazioni non favorevoli che rischiano di incidere sui costi di gestione. Per tale motivo molti potrebbero non riuscire ad aprire.