Trovate quattro anfore in fondo al mare

Avvistate nel mare di Mazara del Vallo alcune anfore. Nello specifico, nel basso fondale antistante i lidi balneari di Tonnarella dove è intervenuto il nucleo subacqueo della Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana.

A fare la segnalazione la subacquea mazarese, Francesca Maggio. Le operazioni di recupero si sono svolte con la collaborazione della Capitaneria di Porto di Mazara, che ha utilizzato i mezzi nautici MV CP 849 e il battello GC B101 per effettuare l’operazione in mare, nel corso della quale sono stati portati in superficie importanti reperti archeologici.

Sono state recuperate quattro anfore e altri frammenti di materiale anforaceo. Una volta portate a terra, sono state subito sottoposte al primo intervento di desalinizzazione. Le anfore sono di quattro tipologie diverse: un’anfora romana del tipo Lamboglia II di età tardo repubblicana e altre tre, frammentate, di età più tarda.