Cronaca Notizie

Relazione Dia: la cartina della mafia a Catania e in provincia

L’ultima relazione semestrale della Direzione investigativa antimafia conferma lo stesso scenario criminale dei mesi precedenti. A Catania e in provincia a gestire gli affari illeciti sono sempre le stesse famiglie e gli stessi clan. SANTAPAOLA – ERCOLANO, MAZZEI, LA ROCCA (quest’ultima stanziale ed egemone a Caltagirone) CAPPELLO-BONACCORSI, e i LAUDANI. All’interno dei principali gruppi criminali hanno trovato spazio altri clan, progressivamente quasi del tutto assorbiti dalle compagini meglio organizzate.
“Se da tempo – scrive la Dia – è apparso importante il ruolo delle donne, legate da vincoli di parentela e compartecipi negli interessi affaristici dei clan, con posizioni anche predominanti, negli ultimi sei mesi è emerso il coinvolgimento di giovanissimi impiegati per confezionare e far giungere lo stupefacente sulla piazza di spaccio o per recapitare il ricavo dello spaccio ai capi dell’organizzazione”.
La mafia a Catania ha deciso di avere come nel resto dell’isola un profilo basso, di inabissarsi per infiltrare silenziosamente il tessuto socio-economico attraverso un sistema di corruzione.
Segui la notizia questa sera su Ciak news.
Canale 189