Notizie

Red Sox sempre più vicini alla B2

Sempre più vicina è la promozione alla B2 per i ragazzi del Red Sox Paternò, all’ambito obiettivo sono valse le due vittorie contro i Tritons baseball conseguite a Taranto. Andando con ordine la prima partita è stata disputata, sabato pomeriggio, al campo comunale “Tramontone” di Taranto, si è conclusa con un punteggio di 13 a 7 per i nostri. Una partita disputata in un campo di calcio, dopo dieci ore di viaggio, è iniziata con un netto svantaggio dei Red Sox che stavano soccombendo per 5 a 1 fino al terzo inning, ma poi le difficoltà hanno tirato fuori il vero carattere guerriero dei giocatori paternesi, che è prepotentemente  esploso in quinta ripresa fino alla conquista della vittoria. “Sono soddisfatto del risultato ottenuto-ha dichiarato Riccardo Messina, manager della squadra -, ma un po’ meno della performance tecnica, ci sono stati degli errori che dovranno essere limati per il prossimo incontro. Tra due settimane- continua Messina- la partita si disputerà in casa e mi piacerebbe dare il massimo davanti al pubblico amico”.

Analoga dinamica anche per la seconda partita, quella di domenica mattina, conclusasi con un punteggio di 12 a 6 sempre a favore dei Red Sox.  Nelle ultime competizioni, si sono distinti il lanciatore Giuseppe D’Ignoti, e il terza base Adam Ray Montero, “Mi sento di parlare a nome di tutta la dirigenza – ha affermato Michele Bonaccorso- complimentandomi con la scelta di gioco del manager che ha colto in pieno la nostra politica; è importante offrire un’opportunità ai ragazzi anche in situazioni delicate di gioco”. Prossimo appuntamento sabato 22 settembre al campo “Warriors field” per la terza gara, sempre contro i Tritons Taranto, la vittoria varrebbe l’automatica qualificazione in serie B.  Soddisfatto si è mostrato per la vittoria in trasferta anche l’assessore allo Sport di Paternò, Alessandro Cavallaro che ha contattato la squadra telefonicamente, per complimentarsi e per esprime l’auspicio della prossima vittoria in casa.

10/09/12

Lucia Paternò

Commenti su Facebook:

Lascia un commento