Notizie

Raccolta non autorizzata

Mancano quarantasei giorni alla festa più attesa dalla cittadinanza paternese, quella della Santa Patrona e c’è chi si organizza alla meglio per la ricorrenza. Purtroppo però fra costoro ci sono delle persone che girano per la raccolta fondi per i cerei, con l’autorizzazione mai concessa dal Comune. Si occupano della questua muniti di un blocco per le ricevute con tanto di timbro dell’assessorato alla Cultura, del Comune di Paternò, però: “Questa sorta di autorizzazione è assolutamente falsa.- Precisa l’assessore al ramo Gianfranco Romano-  Non abbiamo autorizzato nessuno per la raccolta di fondi di nessun genere meno che mai per i cerei di Santa Barbara”.Che la raccolta fondi per la festa ci sia sempre stata è risaputo, e la gente anche volentieri elargisce un obolo per la festa dell’amata Patrona, però quando ci si trova di fronte a sedicenti raccoglitori di fondi bisogna stare all’erta. Sulla bislacca questione abbiamo sentito anche il presidente del Comitato della Festa di Santa Barbara e il Capo Vara, Gaetano Amato che con un pizzico di amarezza ha chiesto che si faccia maggiore attenzione: “Abbiamo esortato i rettori, i responsabili dei portatori di ogni cereo, di fare attenzione a chi delegano eventualmente per la raccolta. Quella della raccolta è un organigramma che non riusciamo a controllare, quindi è necessario fare attenzione anche da parte dei cittadini. I cerei sono nove da due secoli, quindi se si presenta qualcuno che chiede un contributo per un cereo mai sentito che ha un nome o un’intitolazione strana, deve scattare il sospetto. Abbiamo detto ai rettori di spargere la voce sul fatto che girano falsi questuanti, anche fra di loro per un maggior controllo del territorio”. La raccolta quando è veritiera, ossia destinata realmente alla festa, è ben vista, se non addirittura attesa da un gran numero di cittadini, la presenza di questi falsi raccoglitori di fondi tuttavia, va a discapito dei reali raccoglitori per cerei. Ciò non è positivo, in questo momento soprattutto, quando ancora l’Ente non ha stanziato somme per via dei mancati equilibri di Bilancio, ogni spicciolo può contribuire a quella che è sentita come una grande causa.

19/10/11

Lucia Paternò

Commenti su Facebook:

Lascia un commento