Furto in un supermercato

Nel quadro delle attività connesse al piano d’intensificazione dei servizi preventivi sul territorio in occasione delle festività, disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Catania, la scorsa sera i militari della stazione di Motta Sant’Anastasia hanno arrestato una 29enne di Adrano e un 52enne di Biancavilla, per reati contro il patrimonio, responsabili di tentato furto aggravato.

Erano le 18 circa, quando la pattuglia della stazione carabinieri di Motta Sant’Anastasia è stata allertata dalla Centrale Operativa, dove era pervenuta la richiesta d’intervento del direttore di un supermercato di Paternò, che riferiva di un furto in atto.

Giunti presso il supermercato in questione, i militari sono stati accolti dal direttore, il quale ha riferito loro che dalle telecamere del punto vendita aveva avuto modo di notare che la 29enne era entrata poco prima e nel giro di pochi minuti aveva prelevato 8 bottiglie di un costoso liquore da uno scaffale.

La donna, dopo aver riposto il maltolto all’interno di un bustone di plastica per la spesa, lo aveva portato all’interno dei bagni del punto vendita. Il motivo del monitoraggio della donna attraverso le telecamere, spiegava il direttore, era dovuto al sospetto scaturito dal fatto che la stessa donna aveva fatto visita al supermercato anche il giorno precedente senza acquistare nulla e poco dopo il suo allontanamento, il personale addetto alle vendite aveva constatato l’ammanco di 9 bottiglie di liquore da uno scaffale.

Coincidenza ha voluto che, il liquore oggetto di furto il giorno prima fosse dello stesso tipo di quello che la 29enne aveva appena prelevato e trasportato nei bagni, motivo per cui la possibilità che fosse proprio lei la responsabile del furto del giorno prima era molto alta. Inoltre, il direttore ha raccontato che, dalla visualizzazione delle telecamere del giorno precedente, aveva avuto modo di scoprire che la donna, dopo aver abbandonato il supermercato, si era diretta nel parcheggio, dove era salita a bordo di una Fiat Panda di colore blu guidata da un uomo per poi dileguarsi.

Pertanto, dopo il racconto del direttore i militari, con l’aiuto del personale femminile, sono entrati nei bagni del punto vendita, dove hanno sorpreso la 29enne intenta ad asportare i dispositivi antitaccheggio dalle 8 bottiglie di liquore appena prelevate dallo scaffale, con l’evidente fine di volerle rubare.

La stessa non ha saputo fornire giustificazioni valide in merito a quanto stesse facendo e dunque è stata immediatamente arrestata. La refurtiva intanto, che ammontava al valore di diverse centinaia di euro, è stata consegnata al direttore del negozio. I carabinieri non si sono fermati e hanno voluto approfondire gli accertamenti. Sono andati nel parcheggio e hanno trovato un uomo alla guida di una Fiat Panda blu, che era la stessa di quella a bordo della quale la 29enne era salita il giorno precedente per allontanarsi.

Alla guida della macchina è stato trovato il complice, in sosta e con il motore ancora acceso, con l’evidente scopo di darsi alla fuga appena la donna lo avrebbe raggiunto con la refurtiva. Pertanto, anch’egli è stato arrestato dai carabinieri.