Notte di fuoco quella appena trascorsa a Pantelleria. Nella prima serata di ieri è divampato sull’isola un incendio che, alimentato dal vento di scirocco, ha avvolto vegetazione, tettoie in legno, gazebo di ville e dammusi situati in contrada Gadir e nelle aree limitrofe, sul versante nord est.

Fondamentale l’intervento di Vigili del Fuoco, Protezione Civile, Carabinieri, Corpo Forestale regionale e personale del Comune, intervenuti per domare le fiamme a seguito della segnalazione arrivata nella sala operativa Soris della Protezione Civile intorno alle ore 20.10.

Le unità forestali hanno operato sul versante nord della Cuddia di Gadir. Sul versante mare, invece, sono intervenuti i volontari di protezione Civile del locale Gruppo Comunale. Impiegati per spegnere l’incendio mezzi antincendio boschivo, partiti dal porto di Trapani, ma anche canadair ed elicotteri regionali. Le operazioni di soccorso si sono protratte per l’intera notte e sono proseguite anche nella mattinata di oggi per lo spegnimento degli ultimi punti di fuoco sulla vegetazione, a cui è seguita poi la fase di bonifica.

La situazione risulta essere adesso sotto controllo. Tra i danni riscontrati, quelli maggiori riguardano la macchia mediterranea pesantemente interessata dalle fiamme. A parte l’individuazione di due punti di innesco, lontani 400 metri l’uno dall’altro, restano attualmente incerte le cause. Proprio per appurare la natura dell’incendio la Procura di Marsala ha aperto un’inchiesta, i PM stanno acquisendo i rilievi fotogrammetrici e tutte le ordinanze comunali su prevenzione e gestione dei roghi.