Notizie

Nessuna estorsione, il terzetto torna libero

Non ci sarebbe stata nessuna estorsione guidata da un clan criminale, ma più semplicemente la richiesta di denaro per un lavoro effettuato dal terzetto ad un creditore della presunta vittima. E così, ieri mattina, il Giudice per le indagini preliminari, Santino Mirabella, ha convalidato gli arresti per Francesco Giuseppe Pappalardo, di 30 anni, Giuseppe Fusto, di 44 anni, e Mario Leonardi, di 29 anni, ma li ha rimessi in libertà. Per loro è quasi certo che cadrà il pesante capo di imputazione. I fatti, come affermano i legali dei tre imputati, Vincenzo ed Antonia Lo Presti per Giuseppe Fusto; Rosanna Natoli per Francesco Giuseppe Pappalardo; e Turi Milicia per Mario Leonardi, sono andati diversamente, quella somma altro non era che un acconto per un lavoro svolto dai tre arrestati, a favore di un paternese che al momento del pagamento ha inviato il terzetto dall’imprenditore edile, ritenuta la presunta vittima, dal quale vantava un grosso credito.

17/11/11

Mary Sottile

Commenti su Facebook:

Lascia un commento