I militari del comando provinciale della guardia di finanza di Catania hanno sottoposto a sequestro, nella zona industriale di Misterbianco oltre 4,6 milioni di articoli contraffatti, riportanti false indicazioni sulla loro origine o non a norma rispetto alle previsioni del Codice del consumo. L’intervento dei finanzieri del gruppo di Catania ha riguardato i locali commerciali e il deposito di un’azienda, gestita da un cinese, che rifornisce, all’ingrosso, diversi operatori della provincia etnea.
Tra gli articoli ed accessori d’abbigliamento che le fiamme gialle hanno sequestrato vi sono cappelli, borse, pochette e cinture nonché altri prodotti di vestiario che, sebbene di origine asiatica, riportavano in maniera illegale la dicitura made in Italy. Sequestrati anche numerosi prodotti di bigiotteria.
Al termine delle attività, l’imprenditore cinese è stato denunciato alla procura etnea per il reato di introduzione nello Stato e commercio di prodotti contraffatti e segnalato alla locale Camera di Commercio per l’irrogazione delle sanzioni previste per il commercio di prodotti non conformi alle prescrizioni del Codice del consumo.
SEGUI LA NOTIZIA SU CIAK NEWS.
CANALE 189