“Mare Sicuro 2019”, l’operazione, disposta dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, a tutela delle attività balneari e diportistiche, si è conclusa. In tutto sono stati oltre 500 i militari impiegati dalla Direzione Marittima di Catania in numerosi controlli lungo il litorale di giurisdizione, che va da Scoglitti fino a Santo Stefano di Camastra. Obiettivo di questi controlli è stato, tra gli altri, quello di poter garantire maggiore sicurezza in merito alla fruizione delle spiagge e del mare da parte degli bagnanti. Un’attività giornaliera di controllo delle acque ha visto la presenza di ben 49 Unità Navali e mezzi aerei della Base Aeromobili della Guardia Costiera di Fontanarossa, oltre a pattuglie terrestri di pronto intervento. Predisposti, inoltre, dei battelli, con personale abilitato al salvataggio ed al primo soccorso. Ad essere represse sono stata anche la pesca subacquea di frodo, la pesca professionale non autorizzata e qualsiasi altra azione illegale nelle Aree Marine Protette. Il bilancio relativo all’estate 2019 è stato di 109 persone e di 49 imbarcazioni (in avaria) soccorse. Ben 15.619 in tutto i controlli effettuati. 1.506 le sanzioni amministrative e 94 le persone denunciate per reati di natura penale.