A Maniace i carabinieri hanno denunciato due brontesi perché detenevano, nelle loro auto, armi e oggetti atti a offendere.

Due uomini di 33 e 20 anni, entrambi brontesi, sono stati denunciati dai carabinieri perché trovati in possesso di armi o oggetti atti a offendere. Le denunce sono state effettuate a seguito di attività di controllo mirate, eseguite dai Carabinieri della stazione di Maniace, del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Randazzo e del Reggimento Sicilia coadiuvati da militari della Guardia di Finanza. Controlli resi necessari a causa di alcuni episodi di cronaca verificatesi di recente proprio nel territorio di Maniace.

Numerosi posti di controllo sono stati disposti lungo le strade di accesso e nel centro cittadino e hanno permesso il controllo di 24 veicoli e l’identificazione di 30 persone. Tra questi un 33enne di Bronte, fermato mentre era alla guida della propria auto, è stato trovato in possesso di un coltello di genere vietato e di una dose di marijuana, denunciato per il possesso dell’arma è stato anche segnalato alla Prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti.

Un 20enne, anche lui di Bronte, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria perché trasportava nella propria auto una mazza da baseball in alluminio della lunghezza di circa 80 centimetri.