Confisca e sequestro

Eseguiti dai carabinieri del nucleo investigativo due provvedimenti di confisca e sequestro nei confronti di due indagati in operazioni antimafia. A uno sono stati confiscati beni per 200mila euro, mentre al secondo sequestrati beni per 250mila euro.

Nello specifico, il primo è stato arrestato a marzo del 2016 nell’operazione denominata “Brasca” con l’accusa di aver fatto parte della famiglia mafiosa di Palermo Villagrazia. In questo caso si parla del provvedimento di confisca che ha riguardato un appartamento.

Il secondo è stato raggiunto dall’ordinanza di custodia cautelare, nel marzo del 2019, con l’accusa di far parte del mandamento mafioso di Porta Nuova, nell’ambito dell’operazione denominata “Atena”. A lui è stato sequestrato un appartamento e le sue pertinenze a Palermo nella zona di Belmonte Chiavelli.