Al centro di formazione Ars di Paternò si chiude con una conferenza il progetto “Legalità”

La legalità come una pianta che si cura, sin da piccola giorno dopo giorno e che da grande darà i suoi frutti. È un po’ questo il tema di fondo del progetto sulla legalità “Io non dimentico”, promosso dal Centro di Formazione ProfessionaleArs” Sicilia di Paternò che si è aperto lunedì scorso 21 marzo e che si è chiuso oggi, dopo una settimana. A conclusione del progetto si è tenuta questa mattina una conferenza, presso la sede paternese del centro, che ha avuto come argomento, proprio la legalità.

Sono intervenuti il comandante della Compagnia dei Carabinieri di Paternò, capitano Gianmauro Cipolletta, il sindaco di Paternò Nino Naso e l’assessore Roberto Faranda, il referente d’istituto per l’ARS, Giovanni Distefano – che ha svolto anche il ruolo di moderatore – il Presidente regionale ARS Giuseppe Sassano, il Direttore generale dell’ARS Salvo Lo Bianco ed il Direttore della logistica ARS: Leandro Farinella. Presenti anche i referenti del centro di formazione di Adrano, Biancavilla e Misterbianco.

Intervenendo, il capitano Cipolletta ha sottolineato che la legalità inizia sui banchi di scuola e che si alimenta giorno dopo giorno rispettando le regole di base. Il referente locale Ars, Giovanni Distefano, ha sottolineato che l’impegno per la legalità di chi opera nel centro di formazione è costante e che essa viene conseguita con l’esempio reso agli allievi in ogni attività.