Minacce al centro per l’impiego

I carabinieri della stazione di Acireale hanno denunciato un 62enne acese per minaccia aggravata dall’uso delle armi. I fatti risalgono alla scorsa mattinata, quando l’uomo si è recato al centro per l’impiego, dove aveva un appuntamento per la definizione di una pratica inerente all’erogazione del reddito di cittadinanza, incontro che tuttavia doveva essere rimandato a causa di problemi tecnici ai terminali, che quella mattina non consentivano la visualizzazione della pratica.

Quella risposta il 62enne non l’ha proprio digerita, andando su tutte le furie e passando dalle parole ai fatti. Il signore ha estratto da una borsa tracolla un grosso coltello da cucina, con il quale ha minacciato prima l’impiegato che lo aveva “respinto” e poi tutti gli altri che via via sono intervenuti in aiuto del collega.

Intanto, tra lo stupore degli altri utenti presenti nel centro, che stavano assistendo attoniti alla scena, un impiegato che sedeva in una postazione defilata, ha approfittato della concitazione per fare una telefonata al N.U.E. – 112 e chiedere aiuto.

In una manciata di minuti una pattuglia dei carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Acireale, già impegnata in zona in attività di prevenzione dei reati, è intervenuta al Centro per l’impiego, dal quale intanto l’anziano si era allontanato, essendosi accorto della telefonata.

La fuga dell’uomo è durata ben poco. I militari intervenuti hanno immediatamente avviato tutti gli accertamenti necessari a identificarlo, tra cui la visualizzazione delle telecamere presenti nella struttura e l’acquisizione delle dichiarazioni dei testimoni, che hanno fornito una minuziosa descrizione dei fatti e dell’uomo.

Così facendo, la “gazzella” dell’Arma, coordinata nelle ricerche dalla Centrale Operativa, è riuscita a rintracciarlo in una strada poco distante, lungo il percorso verso la sua abitazione, dove è stato perquisito e trovato effettivamente in possesso del coltello utilizzato per minacciare gli impiegati, nascosto ancora nella borsa tracolla.

L’arma, la cui lama è stata misurata in 22 centimetri, è stata sequestrata, mentre l’uomo è stato denunciato all’autorità giudiziaria.