Sabato mattina, gli agenti delle Volanti hanno arrestato un giovane per il reato di maltrattamenti in famiglia. I poliziotti sono intervenuti in zona Librino, in seguito alla segnalazione di una violenta aggressione ai danni di una donna da parte del figlio.

Gli operatori hanno accertato che, a causa di un diverbio nato per futili motivi, la signora era stata aggredita verbalmente e fisicamente dal figlio, un tossicodipendente sottoposto alla libertà vigilata con obbligo di presentazione alla p.g. il quale era ospite temporaneamente a casa dei genitori.

Il giovane si era scagliato violentemente contro la madre, percuotendola. La donna, riuscita a divincolarsi e fuggire in strada, aveva poi trovato riparo in un chiosco dove aveva chiesto aiuto, mentre il figlio continuava a minacciarla di morte dal balcone.

Gli agenti hanno appurato, inoltre, che la donna, che era visibilmente scossa e con evidenti ferite sul corpo, nel 2015 e nel 2017 aveva già denunciato per analoghe condotte il figlio. È stato, pertanto, attivato il protocollo previsto per il cd. “codice rosso”: dopo la formalizzazione della denuncia in cui la vittima ha riferito di altri recenti episodi di aggressione verbale e fisica da parte del giovane, la donna è stata accompagnata e trattenuta in ospedale per le cure necessarie.

Dopo di ciò, il responsabile che è stato trovato ancora all’interno dell’appartamento dei genitori, è stato arrestato e condotto in questura da dove, su disposizione del PM di turno, è stato condotto in carcere, in attesa dell’udienza di convalida.