Un accordo storico che permetterebbe di aprire al turismo la parte occidentale dell’Etna. È ormai da troppo tempo che viene respinta la richiesta di accompagnare i turisti a visitare i bellissimi boschi della zona “B” del Parco dell’Etna.

Proprio due giorni fa è avvenuta la famosa firma. L’ing. Giuseppe Di Paola, direttore del Parco dell’Etna, alla presenza del presidente dell’Ente, Carlo Caputo, e dei sindaci Pino Firrarello e Giuseppe De Luca, ha firmato l’autorizzazione che permette ai Comuni di Bronte e di Maletto di attivare un servizio di fruibilità del versante ovest del vulcano con finalità turistiche.

Questo potrà essere possibile mediante l’accesso autorizzato di veicoli ecocompatibili nei percorsi che da Piano dei Grilli conducono fino all’ingresso di Monte la Nave. Caputo ha sottolineato che non è prevista riduzione di habitat naturali o vegetazione e non ci saranno emissioni inquinanti in atmosfera.

In questo modo verrà incrementato il turismo, i viaggiatori potranno conoscere anche un altro lato del vulcano rispettando pienamente l’ambiente.