Recuperato un escursionista americano, colto da un principio di ipotermia, nell’area lungo il sentiero che dalla zona del Rifugio Citelli porta alla Grotta di Serracozzo sul versante nord dell’Etna. I tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano, allertati dal 118, sono intervenuti nel primo pomeriggio di ieri insieme ai militari del SAGF della Guardia di Finanza e ai Vigili del Fuoco del distaccamento di Linguaglossa. Il turista è stato raggiunto a un’altitudine di circa 1800 metri slm. Un elicottero dei pompieri, in servizio presso il reparto volo di Catania, ha trasportato l’uomo che è stato imbarcato tramite verricello. Il team è giunto fino al piazzale del Rifugio Citelli. In loco i sanitari del 118 con un’ambulanza che lo hanno condotto in ospedale. Il soggetto faceva parte di un gruppo di turisti californiani che stava visitando la Grotta di Serracozzo.

Escursioni in giorni afosi e modalità per chiedere aiuto: le parole del Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano

Ricordiamo a tutti coloro che frequentano la montagna in questi giorni particolarmente afosi, che i rischi d’incidente dovuti a disidratazione – scrivono in una nota -, colpi di sole, di calore e affaticamento sono frequenti. Per questo, è necessario affrontare le escursioni con un’adeguata scorta di acqua, abbigliamento tecnico traspirante, evitando le ore più calde della giornata e i sentieri eccessivamente esposti al sole. In caso di incidenti su pareti di roccia, sentieri, ambienti impervi, in grotta e gole fluviali o in caso di dispersi in ambiente impervio e ostile, è allertabile il Numero Unico di Emergenza (NUE) 112, chiedendo esplicitamente l’intervento del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico CNSAS. Il NUE112 trasferirà la chiamata di soccorso alla Centrale Operativa 118, la quale provvederà ad allertare il Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano“.