Nel corso delle quotidiane attività di addestramento condotte sulle pendici dell’Etna dai militari del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Nicolosi sono stati trovati dei resti umani in una grotta lavica di difficile accesso. La scoperta è avvenuta nel corso di una delle frequenti esercitazioni nel territorio di Zafferana Etnea.

Il cane da ricerca e soccorso, Halma, un brillante pastore tedesco, abbaiava e dava evidenti segni di interessamento all’indirizzo di una grotta presente nella zona delle operazioni, tipico comportamento segnalatore in caso di rinvenimento di persone disperse o decedute, attirando insistentemente l’attenzione del suo conduttore.

I militari si sono, dunque, concentrati nell’anfratto segnalato, che si presentava particolarmente stretto e accidentato, introducendosi non senza difficoltà fino al fondo dello stesso, dove hanno ritrovato dei resti umani, le cui pessime condizioni hanno fatto da subito capire che il decesso risaliva a molto tempo fa.

Informata immediatamente l’autorità giudiziaria etnea, si è proceduto ai necessari rilievi a cura della Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale dei Carabinieri di Catania e al successivo trasporto dei resti presso l’obitorio dell’ospedale Cannizzaro. Le Fiamme Gialle sono ora all’opera per dare un nome e un volto all’uomo che ha trovato la morte in fondo a quella grotta verosimilmente tra la fine degli anni ’70 e gli anni ’90, probabilmente in autunno o in inverno.

Le prime indagini scientifiche e l’esame del luogo del ritrovamento fanno ipotizzare che si tratti di un uomo di almeno 50 anni di età, alto circa 170 cm, con delle malformazioni congenite al naso e alla bocca.

Dall’immagine cristallizzata che si è presentata ai militari SAGF del Comando Provinciale di Catania, sembra che l’uomo si sia introdotto volontariamente nell’anfratto, altrimenti difficilmente accessibile, e che sia morto per cause non violente: indossava dei lunghi pantaloni scuri, una camicia chiara a righe, un leggero maglione di lana, una cravatta nera, una mantellina di nylon verde scuro, un cappello di lana con pon-pon e degli scarponcini Pivetta n. 41. Rinvenute anche delle monete metalliche del vecchio conio.

Ai fini del riconoscimento, è anche utile riportare che l’uomo indossava al polso un orologio marca Omega con cinturino in tela e aveva al seguito un pettine con custodia.

Le attività investigative proseguono con gli operatori SAGF che, oltre al soccorso, hanno anche il compito di documentare quanto avvenuto sui luoghi teatro di incidenti talvolta mortali e di svolgere le indagini delegate dall’autorità giudiziaria.