Salvo Pogliese, ex sindaco della città di Catania che ora diventerà senatore, torna a parlare dopo la sospensione dalle funzioni di primo cittadino del Comune etneo dallo scorso 24 gennaio per gli effetti della legge Severino e le dimissioni rassegnate nel pomeriggio di giovedì 28 luglio proprio in ottica della candidatura al Senato in occasione delle Politiche del 25 settembre. Oggi, forte del suo nuovo incarico, commenta con soddisfazione i risultati delle Elezioni Regionali 2022.

373.806 siciliani hanno scelto Fratelli d’Italia e Giorgia Meloni, determinando la mia elezione al Senato della Repubblica – scrive sui social -. Per me è motivo di grande soddisfazione e di grande orgoglio. Continuerò a rappresentare la mia Terra e la mia Città come ho fatto ogni giorno della mia vita: da giovane militante, da consigliere comunale e assessore provinciale, da parlamentare regionale, parlamentare europeo e da Sindaco. Continuerò a farlo, con l’entusiasmo e la passione di sempre, avendo ben presente che Catania e la Sicilia meritino a Roma un’attenzione che faticano ad avere per colmare il divario ancora insopportabile fra Nord e Sud – conclude l’ex primo cittadino -. Grazie di cuore“.

Pogliese in qualità di Segretario Regionale del partito di Giorgia Meloni, insieme al collega Giampiero Cannella, diffonde una nota congiunta sempre relativa alle votazioni ottenute nell’isola.

Primo partito in Sicilia, 15,1% dei voti: Fratelli d’Italia perno della coalizione di centrodestra che guiderà la Sicilia con Schifani Presidente. Fratelli d’Italia si conferma la formazione politica più apprezzata dai Siciliani – affermano i Segretari Regionali -. Con il Centrodestra unito si vince, in questo caso anche grazie al ruolo di equilibrio e di garanzia che il Presidente Schifani ha svolto in campagna elettorale e siamo certi svolgerà al governo di questa Terra, continuando il lavoro avviato da Nello Musumeci. Gli uomini e le donne di Fratelli d’Italia si assumeranno il compito, confortati dai consensi ottenuti, di far parte di una compagine governativa che dovrà affrontare da subito i grandi temi del lavoro, delle infrastrutture, dello sviluppo, dell’utilizzo virtuoso delle risorse comunitarie e del supporto strategico al tessuto produttivo dell’isola. Uscire dalla marginalità e dal sottosviluppo è obbligatorio per affrontare le sfide odierne, con il supporto indispensabile del futuro Governo guidato da Giorgia Meloni. I Siciliani ci hanno premiati, ma le deleghe non possono e non devono essere in bianco. La fiducia va ripagata e conquistata, giorno per giorno – chiosano Pogliese e Cannella -, con concrete e visibili azioni al servizio dei Siciliani”.