Procura Distrettuale della Repubblica di Catania nell’ambito di indagini a carico di un 37enne, indagato per i reati di maltrattamenti contro familiari, lesioni aggravate, furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale, ha richiesto e ottenuto nei suoi confronti la misura cautelare della custodia in carcere, eseguita dai carabinieri della stazione di Motta Sant’Anastasia.

Le indagini, coordinate dal pool di magistrati qualificati sui reati che riguardano la violenza di genere, hanno fatto luce sulla condotta persecutoria posta in essere nel tempo dall’uomo nei confronti dei suoi genitori, il padre di 70 e la madre di 67 anni.

L’esistenza della coppia, genitori anche di un altro figlio 42enne, era stata irrimediabilmente segnata dalla dipendenza dell’arrestato da sostanze alcoliche e stupefacenti che più volte aveva reso impossibile il normale svolgimento della loro vita. Quest’ultimo, infatti, da circa tre anni sottoponeva i genitori ad atti di violenza tali da costringerli ad abbandonare l’abitazione e, quindi, di trasferirsi in un altro Comune della provincia etnea.

Per racimolare il denaro necessario all’acquisto della droga, l’uomo aveva rubato e venduto gli elettrodomestici presenti nell’abitazione e i preziosi della nonna materna.

Lo scorso 26 agosto il padre dello scalmanato si era recato presso la sua abitazione per consegnare al figlio un pacco contenente viveri e indumenti puliti ma, al suo arrivo, aveva notato il figlio incredibilmente intento a rubare l’impianto di scarico di un’auto Mercedes parcheggiata dinnanzi la porta d’ingresso.

Immediatamente il genitore aveva rimproverato il figlio per ciò che stava facendo ma quest’ultimo, per tutta risposta, lo ha minacciato di morte e di far esplodere la l’abitazione con il gas, quindi lo ha colpito con alcune pietre costringendolo a rifugiarsi velocemente dentro casa per evitare il peggio.

Neanche il pronto intervento dei carabinieri, immediatamente accorsi in seguito a richiesta d’aiuto del padre, era riuscito a riportare alla calma l’esagitato che, continuando a inveire pesantemente contro il genitore e cercando di sfondare con una pietra il cancello dietro il quale l’anziano aveva trovato riparo, aveva minacciato anche i militari vantando le proprie capacità nelle arti marziali.

L’uomo pertanto è rientrato dentro casa distruggendone le suppellettili ma, con l’ausilio di personale medico del 118, i militari sono riusciti a sottoporlo a T.S.O. Quest’ultimo episodio ha determinato nel padre la consapevolezza di non poter ulteriormente soprassedere sulle “intemperanze” del figlio e si è rivolto ai carabinieri per sporgere la relativa denuncia.

I militari delegati delle indagini hanno accertato tra l’altro che il soggetto in questione, oltre ai citati episodi e alle descritte caratteristiche comportamentali, in un crescendo d’intensità negli atti di violenza contro i genitori era stato più volte sottoposto al T.S.O. nel recente passato e, nello scorso mese di giugno, era stato arrestato dai carabinieri nella flagranza del reato di furto.

L’uomo è stato associato al carcere palermitano di Termini Imerese.