Interventi dei carabinieri a Catania

La scorsa notte, i carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Catania Piazza Dante hanno arrestato nella flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti un 28enne di Mascalucia sottoposto all’obbligo di firma alla P.G.

I militari hanno controllato il giovane mentre attraversava piazza Stesicoro a bordo della sua auto. Dopo una verifica preliminare sul posto hanno esteso la perquisizione presso l’abitazione del 28enne ubicata a Mascalucia dove hanno ottenuto riscontri positivi.

Il giovane è stato trovato in possesso di 120 grammi di marijuana, di due bilancini di precisione oltre a svariato materiale idoneo al confezionamento della sostanza trovati nella sua disponibilità all’interno del comodino della camera da letto.

Un altro importante intervento è stato effettuato ieri dai carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Catania Fontanarossa che, nell’ambito di un servizio dedicato al contrasto dei reati connessi allo smercio di droga nel quartiere di Librino, hanno arrestato un 19enne in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, e un 68enne per evasione, entrambi catanesi.

Dopo aver predisposto un dispositivo di osservazione presso alcuni edifici di Viale Nitta, hanno subito notato l’atteggiamento sospetto del giovane, che ignaro della presenza dei carabinieri, era in trepidante attesa di qualcuno davanti al portone d’ingresso dello stabile.

È quindi scattato il controllo, che ha indotto il 19enne, probabilmente per evitare più gravi conseguenze giudiziarie, a consegnare spontaneamente al personale operante, prendendoli da una tasca dei pantaloni, due involucri contenenti rispettivamente 17 grammi di cocaina e 15 grammi di crack e 200 euro in banconote di vario taglio, ritenuti ricavo dello spaccio.

A quel punto i carabinieri hanno deciso di ispezionare l’androne della palazzina, scoprendo una vera e propria “postazione di lavoro”, costituita da un banchetto su cui giacevano 55 grammi di marijuana, oltre a un bilancino di precisione e un rotolo di carta alluminio, utile per il confezionamento delle dosi.

Nella circostanza, i militari hanno anche bloccato un uomo, identificato poi per il 68enne, che si stava aggirando a piedi nelle vicinanze dell’edificio. Benché sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari, ne aveva violato le prescrizioni allontanandosi dalla propria abitazione senza alcuna autorizzazione.

L’uomo, su disposizione dell’autorità giudiziaria che ha convalidato l’arresto, è stato nuovamente sottoposto dai militari agli arresti domiciliari.