Merce contraffatta

Due interventi per la tutela del mercato dei beni e dei servizi effettuati dai militari del comando provinciale della guardia di finanza di Catania. In seguito alla denuncia presentata da un operatore commerciale, hanno sequestrato 78 capi di abbigliamento con i loghi contraffatti.

Gli accertamenti hanno consentito di risalire la filiera commerciale, appurando che la distribuzione della merce avveniva tramite un grossista presente sul territorio etneo. Dunque, a Misterbianco hanno individuato il deposito all’ingrosso in questione, gestito da una cittadina cinese di 60 anni. Lì sono stati trovati e sequestrati oltre 1.200 articoli contraffatti, tra cui felpe, jeans, tute, berretti e marsupi.

L’operazione si è conclusa con la denuncia alla competente autorità giudiziaria dei titolari delle imprese commerciali per il reato di commercio di prodotti con segni falsi. Il grossista cinese è stato anche accusato del reato di ricettazione, poiché non è stata dimostrata la provenienza legittima della merce contraffatta.