Pubblicato il bando di gara per la riqualificazione del Museo Civico Castello Ursino di Catania. La pubblicazione arriva al termine di un percorso progettuale, avviato anni fa, per creare nuovi spazi espositivi e rinnovare la struttura. Il progetto esecutivo è stato curato da tecnici esterni al Comune etneo selezionati con una procedura comparativa. Le opere dovranno essere eseguite da chi si aggiudicherà la gara d’appalto di 4,135 milioni di euro (Iva compresa), pubblicata sul portale regionale Urega. La scadenza delle offerte è fissata alle ore 13 del 25 luglio. La riqualificazione consentirà la totale fruizione e la valorizzazione del bene nonché l’esposizione delle collezioni presenti nel patrimonio comunale. La procedura è stata predisposta dagli uffici dell’assessorato comunale ai lavori pubblici, guidato da Enrico Trantino, grazie a un finanziamento comunitario. La Direzione Cultura si occuperà degli allestimenti interni al Castello Ursino con un successivo bando di gara. Nello specifico si prevede una nuova funzionalità del Museo Civico Castello Ursino tramite la creazione di una seconda scala e di un secondo ascensore connettendo i IV livelli del Museo, la climatizzazione degli ambienti, il riallestimento degli spazi museali e la valorizzazione delle collezioni. Ci saranno interventi relativamente all’illuminazione interna e agli spazi comuni. Lavori anche per le aree espositive e successivamente saranno acquistate vetrine e pannelli per migliorare e modernizzare gli allestimenti delle Sale. Sarà così messo in sicurezza il Museo e verrà garantita una migliore fruizione per il pubblico. Il rinnovamento consentirà l’esposizione delle collezioni presenti nel patrimonio comunale che rappresentano un’importante testimonianza della storia siciliana dall’età greco-romana fino ai giorni nostri. Gli interventi, secondo le previsioni, dovranno essere realizzati “a Museo aperto” al fine di garantire comunque la fruibilità del monumento. Inoltre è previsto un piano di restauro delle opere: verrà seguito un progetto scientifico realizzato in collaborazione con Soprintendenza e Università di Catania.