Ieri mattina, è giunta una segnalazione di rapina consumata in un’attività commerciale del capoluogo etneo ad opera di un uomo armato di pistola, travisato da una mascherina chirurgica che, dopo aver fatto irruzione all’interno del negozio, ha minacciato il titolare facendosi consegnare l’incasso.

Immediato, quindi, è stato l’avvio delle indagini da parte degli investigatori della Squadra Mobile – Sezione Antirapine che, recandosi sul luogo, hanno visionato le telecamere interne dell’esercizio. L’attività ha consentito di individuare fin da subito l’autore del reato, C. A., 57enne, il quale indossava al momento della rapina un giubbotto nero con strisce bianche sulla parte frontale.

Sono state, pertanto, avviate le ricerche del sospettato che è stato rintracciato, qualche ora dopo i fatti, nella sua abitazione ubicata nel rione San Cristoforo, dove è stata eseguita una perquisizione per ricercare le tracce del reato. In tale contesto, è stato trovato il giubbotto che C. A. ha indossato al momento della rapina e una mascherina chirurgica, analoga per modello e colore a quella indossata durante le fasi dell’attività delittuosa.

A corroborare il già chiaro quadro indiziario, è intervenuta la preziosa collaborazione della vittima che ha fornito utili dettagli per ricostruire la dinamica dei fatti. Al termine delle attività, l’uomo è stato dichiarato in stato di arresto e, su disposizione dell’autorità giudiziaria, portato in carcere.

Sono in corso approfondimenti investigativi per stabilire il coinvolgimento dell’indagato in altre rapine commesse nei giorni antecedenti l’arresto e che per modalità esecutiva sembrerebbero riconducibili allo stesso autore.