Su richiesta della Procura Distrettuale di Catania, il gip del Tribunale di Catania ha emesso una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Giovanni Piacente, 40enne, accusato di aver commesso sei rapine aggravate dall’utilizzo di armi, resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione.

Sotto la direzione di questa Procura, le indagini sono state condotte dalla Squadra Mobile – Squadra Antirapine, la quale ha accertato che nell’arco di pochi giorni erano state poste in essere sei rapine ai danni di diversi esercizi commerciali, tra cui farmacie e supermercati del capoluogo, ubicate principalmente nel quartiere di Picanello.

Erano analoghe tra loro per modalità esecutive, caratterizzate dalla rapidità dell’azione criminosa e dall’uso di armi con cui venivano minacciate le vittime, costrette così a consegnare gli incassi della giornata.

In occasione di una rapina avvenuta all’interno di una farmacia del centro, l’uomo è stato intercettato lungo la via di fuga mentre era a bordo di un’auto ma, usando violenza nei confronti degli agenti che avevano tentato di fermarlo, è riuscito a far perdere le proprie tracce. In tale contesto, le immediate perquisizioni, domiciliare e del mezzo da lui abbandonato per garantirsi la fuga, hanno consentito di ritrovare gli indumenti indossati per la commissione di alcune rapine.

Nel prosieguo degli approfondimenti investigativi è stato rinvenuto il motorino utilizzato per compiere alcune delle rapine contestate. Si è accertato che lo scooter era provento di furto e, pertanto, dopo gli accertamenti tecnico-scientifici, è stato riconsegnato al legittimo proprietario.

Al termine delle formalità di rito, il 40enne è stato portato in carcere dove rimarrà a disposizione dell’autorità giudiziaria.