Arriverà anche nella provincia etnea la carovana “Le Scarpe dell’antimafia. In cammino tra beni confiscati e diritti calpestati” organizzata da I Siciliani giovani e Arci Sicilia, con il contributo di Geotrans e Banca Etica.

Il 1° ottobre farà tappa a Misterbianco e Acireale per denunciare lo stato di abbandono e degrado dei beni confiscati alla mafia. Il punto di partenza della carovana è il Giardino di Scidà a Catania, bene confiscato alla mafia in via Randazzo 27.

Da lì giungerà a Misterbianco al cosiddetto Palazzo Riela, un grandissimo edificio residenziale, anch’esso confiscato alla mafia. Poi si sposterà nella sede di Geotrans, società di trasporti confiscata alla famiglia mafiosa Ercolano, che dopo enormi difficoltà è riuscita a trasformarsi in cooperativa gestita direttamente da lavoratrici e lavoratori.

Nel primo pomeriggio arriverà ad Acireale, dove verranno visitati terreni con piscina, ville in riva al mare formalmente confiscate, ma di cui lo Stato non è mai entrato in possesso.