A Bronte nel mondo del lavoro sembrano emergere alcuni paradossi. Infatti, al momento sono parecchi i disagi che l’intero comparto del pistacchio rischia di subire.

Pare che i produttori che in questi giorni stanno raccogliendo il pistacchio non riescano più a trovare operai da mettere in regola. Il sindaco, Pino Firrarello, ha spiegato che a Bronte più che altrove, per la raccolta del pistacchio, esiste il problema del mercato del lavoro.

La raccolta dura circa un mese e molti degli impiegati, percependo il reddito di cittadinanza o l’indennità di disoccupazione, non vogliono essere messi in regola e così si rischia di lavorare in nero.

Il primo cittadino ha sottolineato l’importanza di trovare una soluzione che tenga conto di entrambe le esigenze. Un sollecito che rivolge anche ai sindacati.

Non si deve danneggiare un comparto agricolo di eccellenza come quello del pistacchio di Bronte che, oltre a dare lavoro a tante persone, è un alimento illustre che si vende in tutto il mondo.