La scorsa settimana, gli agenti del commissariato di Adrano, in seguito a una tempestiva e approfondita attività di indagine, hanno denunciato in stato di libertà un uomo di 33 anni, responsabile del reato di rapina e lesioni ai danni di un’anziana donna.

Il personale della volante è intervenuto su richiesta di soccorso da parte di una donna che era rimasta vittima della rapina e che subito dopo aveva trovato riparo presso una farmacia. I poliziotti hanno immediatamente sollecitato l’arrivo di un’ambulanza per soccorrere la donna che presentava diversi evidenti ematomi, lamentando dolori tali da renderne necessario il trasporto in pronto soccorso, dove le sono state riscontrate numerose contusioni e la frattura di diverse costole.

Nel frattempo, gli agenti hanno iniziato le indagini ricostruendo l’accaduto: il rapinatore si trovava alla guida di un’auto e, dopo aver affiancato la donna, si era sporto dal finestrino afferrandole la borsa per poi accelerare e trascinare la donna per diversi metri, causandone, così, la rovinosa e pericolosa caduta sul selciato.

Prontamente è stata raccolta ogni informazione utile in merito al veicolo utilizzato, risalendo così all’identità della persona che, sebbene non ne fosse il proprietario, l’aveva in uso durante la consumazione del reato.

Comparati gli elementi in possesso, avuta certezza sull’identità del responsabile, quest’ultimo è stato rintracciato dagli agenti un paio di giorni dopo la rapina.

Condotto in commissariato, l’uomo, che è stato denunciato qualche giorno prima, sempre da agenti, per i reati di furto e utilizzo indebito di carta bancomat, è stato denunciato all’autorità giudiziaria per i reati di rapina e lesioni.