Il personale del commissariato di pubblica sicurezza di Adrano, in seguito alla tempestiva e approfondita attività d’indagine, ha denunciato in stato di libertà un uomo di ventisei anni per il reato di minacce gravi.

L’uomo avrebbe accumulato dei debiti nei confronti di una società che gli forniva i prodotti che il denunciato utilizzava per la sua professione, divenendo, così, destinatario di un provvedimento di pignoramento emesso dal Tribunale.

Dopo la denuncia sporta dal rappresentante legale della società creditrice, gli agenti hanno proceduto al deferimento in stato di libertà del soggetto, poiché all’atto del formale pignoramento dei beni, quest’ultimo ha reagito con frasi minatorie indirizzate al creditore, asserendo di essere il nipote di un noto pregiudicato locale e che avrebbe fatto in modo di fargli pagare le conseguenze dei suoi gesti.

Il minacciato, avendo temuto per la sua incolumità e per quella della sua famiglia, ha deciso di rivolgersi al commissariato, denunciando l’occorso.