In ospedale da domani al via i lavori

ospedaleSull’ospedale di Paternò la soluzione è stata trovata. Come mai prima d’oggi il problema è stato risolto con una celerità che lascia sorpresi, positivamente. Il problema, come abbiamo evidenziato nell’edizione di ieri del nostro telegiornale, è legato al cattivo funzionamento della canna fumaria, con fratture presenti in più punti, situazione che all’accensione dei termosifoni, ha evidenziato la dispersione dei fumi dentro le sale operatorie. Da qui la necessità di restare a termosifoni spenti. Nulla di grave in questi giorni di sole, ma con l’approssimarsi della stagione invernale è necessario correre ai ripari, se si accendono i termosifoni inevitabile l’interruzione dell’attività chirurgica in sala operatoria. Dall’Asp di Catania, in quest’occasione non sono rimasti a guardare. Già questa mattina si è tenuto un sopralluogo all’interno della struttura ospedaliera dei tecnici dell’azienda sanitaria, dopo i solleciti arrivati dal direttore sanitario del “SS.Salvatore”, Salvo Calì. Deciso di cominciare subito, già domani, con l’obiettivo di portare la canna fumaria fuori dalla struttura ospedaliera. Rassicurazioni sono arrivate al presidente del Consiglio comunale, Laura Bottino ed al senatore, Salvo Torrisi, dal direttore sanitario dell’Asp di Catania, Franco Luca che questa mattina, a Catania, ha incontrato anche i rappresentanti delle sigle sindacali di Uil e Fials, Orazio Lopis, Giovanni Fallica e Angelo Gallone. Domani, dunque, si comincia con l’intervento che dovrebbe concludersi al massimo entro un mese.

19/11/14

Mary Sottile

Palazzo alessi si prepara al dibattito sul bilancio

consiglioMesso da parte il dibattito e con esso la polemica sulla delibera relativa alla riduzione dell’addizionale irpef, il Consiglio comunale paternese si appresta a discutere il bilancio di previsione per il 2104. La seduta è stata convocata dal presidente, Laura Bottino per sabato 29 novembre, mentre domani scade il termine ultimo per la presentazione degli emendamenti da parte dei consiglieri comunali. Ed intanto oggi, a Palazzo Alessi, riunione della commissione consiliare al bilancio, ed il primo emendamento presentato, quello dei consiglieri Nino Valore (presidente della commissione consiliare bilancio), Turi Fallica, Sergio Signorello. Il termine ultimo per la presentazione degli emendamenti scadono oggi.

19/11/14

Mary Sottile

Nuovi spazi per il mercato ambulante

mercatoL’approvazione in Consiglio comunale del 15° emendamento, proposto dal consigliere Turi Fallica, mira a conferire nuovo vigore alla microeconomia locale interna. Una iniziativa di cui si dichiara soddisfatto il consigliere Fallica per i benefici che ne potrebbero derivare ai tanti piccoli e medi agricoltori locali i quali potranno contare sulla possibilità di disporre un’aera stabile per l’esposizione e vendita dei prodotti della terra. Ciò che sembra essere davvero importante al riguardo è la circostanza che il mercato del contadino sarà una realtà istituzionalizzata, dunque non occasionale ma stabile. Ora è affidato all’ass. alle attività produttive Borzì il compito di organizzare questa nuova realtà economica da cui si attende l’attivazione di un auspicato circolo virtuoso per l’economia agricola della città di Paterno’. Quella del mercato del contadino non sembra essere l’unica novità del settore: è di questi gg, infatti, l’approvazione di una modifica al regolamento relativo all’individuazione delle aree pubbliche da riservare al commercio degli ambulanti: nuove aree, disseminate in vari punti della città, sono state individuate e destinate al commercio ambulante. Ad essere riservate ai venditori ambulanti saranno nuove aree che avranno diverse dimensioni tali da consentire lo spazio vendita da 1 fino ad 8 commercianti. Si prevede pertanto la nascita di nuovi mercatini rionali che sorgeranno in vari punti della città, tra questi solo per indicarne alcuni, piazza Vitt. Veneto, il quartiere Ardizzone, piazza Livatino, via Sardegna ed altri. Spetta ora ai singoli commercianti procedere con la richiesta al Comune per ottenere l’assegnazione dei nuovi spazi. Infine, in linea con la tradizione tipicamente locale nasceranno in città nuovi chioschi destinati alla vendita di bevande ma anche di fiori.

19/11/14

Maria Gabriella Cirino

La seduta della discordia

333La data fissata è quella di venerdì prossimo, 14 novembre. Il Consiglio comunale paternese si riunirà in seduta straordinaria ed urgente per discutere della delibera d’annullamento relativa all’aumento dell’addizionale irpef, presentata dal presidente dell’Assise civica, Laura Bottino. Lo stesso presidente Bottino, dunque, scioglie le riserve, visto i dubbi arrivati al termine della conferenza dei capigruppo della scorsa settimana, nel corso della quale la maggioranza dei consiglieri si è espressa contro il dibattito della delibera in aula. Una delibera che nelle ultime settimane ha innescato un fuoco di polemiche, con il Consiglio diviso a metà. Da una parte i partiti di maggioranza a sostegno del sindaco, Mauro Mangano che, come sostenuto dal primo cittadino, ritengono l’aumento dell’addizionale irpef allo 0,8 per mille necessario per evitare il dissesto finanziario; dall’altra la minoranza con pezzi fuoriusciti dalla stessa maggioranza che, invece, sostiene sbagliato l’aumento della tassa perché i fondi ci sono per coprire tutte le spese. E nelle ultime ore la vicenda si arricchisce di un nuovo colpo di scena. Oltre ai 690 mila euro di trasferimenti statali non calcolati in bilancio, come evidenzia la minoranza, si aggiungono nuove somme, pari a 380 mila euro di trasferimenti regionali. Da qui la decisione dei consiglieri Ezio Mannino, capogruppo del Popolo delle Libertà e Giancarlo Ciatto, ex capogruppo del Pd, oggi componente di un gruppo di consiglieri indipendenti, di presentare un emendamento. Resta di parere opposto il primo cittadino che ha ribadito l’errore nel calcolo dei 690 mila euro, inseriti in bilancio non come trasferimenti statali ma sotto la voce Imu. Il Consiglio comunale di venerdì prossimo, dunque, si annuncia rovente anche per la possibilità di boicottaggio, per evitare di discutere il punto, atto propedeutico allo stesso bilancio. In tutto questo contesto la confusione regna sovrana. Forse a fare chiarezza saranno la Corte dei Conti e la Magistratura, organi di giustizia chiamti entrambi in causa.

11/11/14

Mary Sottile

Ritorna il premio “Giulio Einaudi”

1E’ giunto alla sua seconda edizione il concorso nazionale di poesia intitolato all’illustre editore “Giulio Einaudi”, al quale, la città di Paternò, ha assegnato la cittadinanza onoraria nel 1993. Dato il grande successo dello scorso anno, che ha visto la partecipazione di centinaia di persone, l’associazione culturale “Paternò news”, ha deciso di rinnovare l’appuntamento con la poesia inedita, inserendo un’interessante novità per valorizzare il territorio paternese: da quest’anno sarà, infatti, possibile presentare al concorso le poesie inedite scritte in dialetto siciliano. Un’importante novità, questa, in un periodo in cui la tradizione è sempre meno conosciuta e apprezzata, soprattutto dai più piccoli. Rimarranno invariate le altre due sezioni del concorso: la prima sarà dedicata alle poesie inedite scritte dagli studenti delle scuole di ogni ordine e grado, mentre l’altra accoglierà coloro che presenteranno una poesia inedita in lingua italiana. La lunghezza massima ammessa è di 30 versi. La partecipazione al concorso è rigorosamente gratuita. Le poesie dovranno essere presentate entro il 23 novembre tramite posta elettronica, spedizione postale o consegna a mano all’associazione culturale “Paternò news”. La cerimonia di premiazione avrà luogo il 20 dicembre presso il Palazzo delle Arti a Paternò. Chi fosse interessato all’iniziativa può, inoltre, consultare il sito internet  www.paternònews.com

11/11/14

Sicurezza: i sindaci incontrano il prefetto

2L’incontro questa mattina, in Prefettura, a Catania. Il Prefetto, Maria Guia Federico, ha avuto un colloquio con i Sindaci dei Comuni di Adrano, Belpasso, Biancavilla, Paternò e Santa Maria di Licodia; assente per motivi istituzionali il sindaco di Misterbianco. Presenti all’appuntamento anche il senatore Salvo Torrisi, componente della commissione giustizia del Senato; il deputato regionale, Nino D’Asero; ed il presidente della commissione regionale antimafia, Nello Musumeci. Il faccia a faccia nasce dopo una precisa richiesta avanzata dai primi cittadini, preoccupati del clima di tensione venutosi a creare nel comprensorio. Clima che ha determinato, in meno di un anno, la commissione di tre attentati incendiari, contro i sindaci di Santa Maria di Licodia, Totò Mastroianni; Adrano, Pippo Ferrante; e Pippo Glorioso per Biancavilla. La matrice non è ancora chiara anche se le forze dell’ordine sembrano seguire una pista precisa, riconducibile al settore rifiuti. Proprio i tre sindaci, qualche giorno o settimana prima degli attentati di cui sono stati vittime, hanno tentato di dare una svolta al settore. Le indagini affidate ai carabinieri della Compagnia di Paternò, proseguono nel massimo riserbo.

10/11/14

Mary Sottile

Tragedia sulla 121

FOTO INCIDENTEAncora sangue sulle statale 121, ancora un’altra giovane vita spezzata nel fiore degli anni. Paternò oggi piange Salvatore Mirenda, che stanotte ha perso la vita a soli 21 anni. Fatali le profonde ferite riportate a seguito dell’incidente stradale avvenuto intorno all’1,30 di questa notte. Nonostante il disperato tentativo dei sanitari, intervenuti per strapparlo alla morte, Salvatore non ce l’ha fatta: è spirato in ospedale intorno alle 3 di questa mattina. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, il giovane, alla guida della propria vettura, una Lancia Y, stava rientrando a casa, quando, per cause da accertare, avrebbe perso il controllo dell’auto, che si è schiantata, ribaltandosi, contro il guard-rail, a circa 700 metri dal primo svincolo per Paternò. Solo pochi mesi fa, la città è stata scossa da un’altra immensa tragedia, la morte dei giovani fidanzati Antonino e Veronica. Anche per loro, la statale 121 si è trasformata in un luogo di morte, a causa del tremendo impatto del loro scooter contro lo svincolo che immette a Piano Tavola. Un incidente terribile che ha portato via, in un soffio, i loro sogni e il loro amore. Oggi la città si sveglia con una nuova tragedia, con un altro, giovanissimo fiore strappato anzitempo alla vita e con un futuro ancora tutto da scrivere. I funerali del giovane Salvatore verranno celebrati venerdì, 7 novembre, alle ore 10,30, presso la chiesa di Santa Barbara.

05/11/14

Silvia Giangravè

Allerta meteo: a Paternò chiuse le scuole

maltempoAllerta meteo a partire dalla mezanotte di oggi, mercoledì 5 novembre, alla mezzanotte di domani, giovedì 6 novembre. La protezione civile ha dichiarato il codice rosso per la Sicilia orientale. Per precauzione a Paternò, il sindaco, Mauro Mangano, ha emesso un’ordinanza di chiusura delle scuole e dei parchi pubblici per domani, giovedì 6 novembre. Scuole chiuse anche a Belpasso e Catania

05/11/14

Rapinatore in manette a Paternò

 foto arrestoArresto in flagranza di reato per un rapinatore di Paternò. Un malvivente, autore di una rapina messa a segno ieri sera, al supermercato Eurospin, tra via Nazario Sauro e via delle Gemme. Ad arrestarlo sono stati i Carabinieri del nucleo radiomobile della Compagnia paternese. Si tratta di Salvatore Davide Serrano, di 31 anni, paternese, accusatodi rapina aggravata, ricettazione e porto abusivo di armi clandestine. L’azione dei rapinatori ieri sera, alle 19.30 circa. Armati di una pistola e con il volto coperto da passamontagna sono entrati all’interno del supermercato e minacciando i cassieri hanno portato via circa mille euro. Pochi secondi sono stati sufficienti per completare l’azione; pochi secondi nel corso dei quali uno dei clienti, in quel momento all’interno del supermercato, ha deciso di non restare inerme, facendo scattare l’allarme, con una telefonata al 112, il numero di pronto intervento dei carabinieri. Immediato l’arrivo sul posto di una pattuglia dei militari dell’Arma, giunta proprio mentre i rapinatori stavano fuggendo a bordo di uno scooter, un Honda SH 150. Rapinatori sfortunati visto che il due ruote non voleva saperne di partire, da qui la fuga di uno dei due a piedi, con il bottino, mentre per il secondo malvivente, Salvatore Davide Serrano, sono scattate le manette ai polsi. Indosso i carabinieri gli hanno trovato una pistola semiautomatica marca Beretta cal. 22 (risultata clandestina, con colpo in canna, cane armato e caricatore inserito contenente una cartuccia), riconosciuta come l’arma della rapina. Ulteriore prova contro Serrano, acquisita dai carabinieri, attraverso le testimonianze dei clienti, sono gli abiti che indossava, gli stessi del rapinatore. Lo scooter, con telaio contraffatto, l’arma e gli indumenti sono stati sequestrati mentre Serrano è stato rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza, a Catania. La pistola, verrà inviata al Reparto Investigazioni Scientifiche, di Messina per gli accertamenti tecnico-balistici. Le indagini dei carabinieri continuano alla ricerca del complice di Serrano. E da fonti investigative si scopre come sabato scorso è stata compiuta una rapina, in una macelleria di via Garibaldi, sempre a Paternò. I rapinatori, armati e con il volto nascosto da passamontagna, visto il magro bottino, hanno portato via della carne.

04/11/14

Mary Sottile

Elisuperficie a Biancavilla: l’Enac contraria

elisuperfice-31I soldi ci sono ma non vengono usati. E’ il curioso caso relativo alla costruzione dell’elisuperficie a Biancavilla, finanziata 7 anni fa dalla Regione siciliana, ma non ancora realizzata. Dalla redazione del sito on-line “Biancavilla oggi” si legge che negli ultimi giorni ci sono stati risvolti importanti per la vicenda. E’, infatti, il sito biancavillese ad essere venuto in possesso di una lettera privata dell’Enac, Ente nazionale di aviazione civile, indirizzata all’Asp di Catania e risalente al febbraio 2013. Il documento spiega che l’area scelta non sarebbe idonea al decollo e atterraggio dei mezzi di soccorso. Invita pertanto ad apportare delle modifiche alla bozza di progetto o, nel caso in cui queste non fossero possibili, a trovare un’altra area per realizzare l’opera. “Siamo davanti ad un caso di malaburocrazia e di ordinaria disamministrazione che determina nei cittadini, che attendono da anni, giusti risentimenti”. Si esprime così Nino D’asero, deputato biancavillese all’Assemblea regionale siciliana che con l’allora assessore regionale alla sanità, Roberto Lagalla, ottenne il finanziamento. Come spesso accade, fu un grave lutto a far partire il progetto dell’elisuperficie. Nel caso in cui questa venisse costruita, verrebbe, infatti, intitolata al giovane Giuseppe Greco, morto in un tragico incidente stradale proprio quell’anno.

04/11/2014